Pensare è Creare

Stamattina mi sono svegliata con grandi intenti: ora faccio una bella torta di mele così faccio contento lui (e il mio stomaco)!

La torta termina di cucinare nel forno, la tiro fuori per farla raffreddare, e via in meditazione.

Una mezz’oretta, cercando di svuotare questa mente che cerca sempre di sovrastarmi.

Quindi torno alla mia torta, con lo stomaco che burbugliava e non vedeva l’ora di addentare la dolce e soffice torta. Senonchè… non ha cucinato 😦 avevo passato lo stuzzicadenti solo al bordo della torta, e non al centro, e ora mi ritrovo con una torta scatafasiata al centro! E immangiabile… che sana ignoranza!

Bene. La storia della torta e del buttarsi giù, eccola qua! Mi sono demoralizzata tipo “non sono capace a fare nulla, neanche una torta di mele!”. Serio. Mi vedevo il mio compagno che mi prendeva in giro (come di solito fa), ed io che mi arrabbiavo (come di solito faccio).

Per fortuna durante la meditazione mi “è arrivata” l’indicazione di rileggermi le note io sonoche avevo sottolineato del libricino “Io Sono”.

Una di queste, tra le tante, mi ha dato la forza per tirarmi su, in stile grande stacco di reni! Dio dice (è Dio stesso che parla! gulp! siamo a cospetto del grande capo!):

“.. se queste cose ti toccano al punto da recarti dolore o disturbo della mente, ebbene, cessa di pensare che esse possano addolorarti o disturbarti (…) Tutte le cose influiscono su di te solo in quanto tu le pensi e dai loro il potere di turbarti o tediarti. Se tu smetti di pensare che abbiano questo potere, ti volgi dentro a me e mi permetti di dirigere il tuo pensiero, esse spariranno immediatamente dalla tua coscienza e si dissolveranno nel nulla, da cui tu, pensandole, le hai tratte.”

Non dico che è stato una cosa automatica, ma il pensiero di lui che mi prendeva in giro, magicamente non mi ha più interessato. Anzi, mi faccio un’allegra risata anche io, ora!

Ecco, spero che queste parole possano tornare d’aiuto anche a qualcun altro, così come mi hanno aiutato a me, a ritrovare il sorriso e la serenità.

Luce e serenità a tutti!

Andiamo sull’Isola Che Non C’è…

Sto constatando che tanta gente sta passando le mie stesse difficoltà, sta affrontando un periodo difficile..

E stamattina in meditazione mi è venuto in mente un pensiero che spero possa portare aiuto..

Vi ricordate il cartone animato di Peter Pan? La storia famosissima? Io e credo chiunque da bambino ne è rimasto innamorato.. poi per il volo ho un certo sogno, io personalmente..

L'Isola Che Non C'èEbbene, ci ricordiamo cosa dicono ai bambini nuovi? Per volare, e quindi per andare all’Isola Che Non C’è, simbolo di felicità, gioia, gioco, spensieratezza, bisogna aggrapparsi ad almeno UN pensiero felice! UNO SOLO!

E allora facciamolo anche noi! Quando siamo in un momento di difficoltà, pensiamo che stiamo volando verso L’Isola Che Non C’è e che per far ciò abbiamo bisogno di UNO, UNO SOLO, pensiero felice! Può essere la mamma, un figlio, un giorno che vi siete sentite tanto bene, un’esperienza, un viaggio… ma AGGRAPPIAMOCI A QUESTO PENSIERO FELICE e voleremo verso la felicità…

Con tutto il cuore, spero davvero che questo possa aiutarci, parlo in prima persona perchè STO affrontando un periodo estremamente difficile, ma penso che queste difficoltà siano in effetti delle prove, degli esami universitari.. e più avanti andiamo, più sono tosti, ma più li superiamo e più saremo vicini alla meta, al dottorato, alla felicità, alla comprensione di tutto.

E quando ci sentiamo scoraggiati… pensiamo a Peter Pan, Trilli e i bambini che volano!

Una splendida giornata!

Halloween ed energie

halloweenE’ un periodo bello tosto, lo sappiamo. Ed è anche la settimana che anticipa la festa di Halloween, festa commerciale importata dall’America creata in Irlanda e giunta a noi come scusa per festeggiare, ubriacarsi e spendere soldi in maschere e drinks.

Ho cercato informazioni su internet e sui siti italiani… nisba, invece quando cerco in inglese trovo un sito (http://www.spiritualresearchfoundation.org/meaning-of-halloween) che mi dice di tutto e di più.

Riassunto:

pare che… in questo periodo (si badi bene, periodo… non solo il 31 ottobre) si apra un portale, una connessione con l’aldilà, con i defunti che cercano di contattarci perchè magari sono bloccati o hanno problemi connessi con il mondo nostro (e qui ci fermiamo, non ne so molto, ma .. interessante). Con loro, arrivano anche spiriti maligni, fantasmi (per entrare in “spirito” halloweeniano) che non hanno buone intenzioni..

pare inoltre che vestirsi da zombi, diavoli, streghe o altre figure con le facce insanguinate non faccia altro che attrarre queste brutte entità…

e pare che gli effetti negativi rimangano per settimane, e non solo influenzano la persona che ha usato il costume, ma anche le persone intorno a lui/lei, immaginiamoci in città con lo scambio di energie che c’è…

e pare che i crimini (si registra) aumentino del 50% in questo periodo…

e infine pare che il modo migliore per proteggersi da tutte queste basse energie sia l’attività spirituale!

Quindi, HOP! Noi vestiamoci da 7 nani e andiamo a lavorare spiritualmente! Per noi, per le nostre famiglie e le persone che non hanno questa consapevolezza!

HOP HOP HOP!7 nani

Meditiamo, immagiamo una luce intorno al nostro bellissimo pianeta azzurro, mandiamo luce, connettiamoci con tutte le altre persone (guerrieri di luce!) che hanno la medesima intenzione, così da incrementare il potere del nostro invio di amore e luce… e chiediamo protezione, tanta protezione all’Arcangelo Michele, ai Maestri e ai nostri Spiriti Guida.

Sempre, soprattutto se andiamo in giro in questo periodo.

guerriero di luce2

May the light of God be with you always.

 

– Aggiornamento del 25/11/13 –

Invito ad ascoltare i primi 20 minuti della registrazione che ho trovato di Giuditta Dembech la quale sottolinea il lato commerciale di questa festa che anticipa la commemorazione dei defunti,  come deleteria e portatrice di infauste energie attratte da maschere e gadget di dubbia fattezza… http://www.giudittaaudio.it/audiofile/Halloween/Halloweenunito.mp3